Divieto per le lampade fluorescenti

La moderna tecnologia dell'illuminazione contribuisce in modo significativo alla sostenibilità. Ciò ha consentito e consente di eliminare dal mercato europeo le sorgenti luminose inefficienti e dannose per l'ambiente, nell'ambito della direttiva RoHS e del regolamento sulla progettazione ecocompatibile. Da febbraio 2023 è in vigore il divieto di vendita per le lampade fluorescenti compatte e le lampade fluorescenti circolari T5. Dall'agosto 2023 sono state vietate le lampade fluorescenti lineari T5 e T8 e dal 1° settembre 2023 le lampade alogene (G9, G4 / GY6.35) non possono più essere immesse sul mercato dell'UE.

Il divieto comporta vantaggi immediati per i consumatori: rispetto agli apparecchi con lampade fluorescenti da 38 mm alimentati con un reattore convenzionale, i moderni apparecchi a LED con rilevatori di luce diurna e di presenza consumano l'80% di energia in meno. Rispetto alle lampade fluorescenti, gli apparecchi LED hanno un controllo della luce nettamente migliore e una durata di vita molto più lunga. Sul posto di lavoro, ad esempio, forniscono il 20% di illuminamento in più a parità di flusso luminoso. Inoltre, è prevista una sovvenzione per l'installazione a posteriori che può arrivare fino al 30% dei costi di investimento.

Modifica della direttiva 2011/65/UE
La direttiva RoHS dell'Unione Europea regola, tra le altre cose, la gestione del mercurio nelle lampadine. Questa normativa è integrata dal regolamento sulla progettazione ecocompatibile, che limita la vendita di lampadine a bassa efficienza energetica. Nella primavera del 2022, la Commissione UE ha rivisto le eccezioni definite nell'Allegato III della direttiva. Questo ha effetti di vasta portata sulla manutenzione degli edifici; infatti, una grande percentuale di edifici pubblici è ancora dotata di sorgenti luminose contenenti mercurio. I gestori delle strutture sono passati all'ampia gamma di apparecchi sostitutivi senza mercurio proposti dai produttori di lampade. Ma in questo campo si consiglia cautela: molti elettricisti si offrono di convertire gli apparecchi di illuminazione con lampadine retrofit. Tuttavia, a seguito della conversione, l'apparecchio perde la certificazione CE. A quel punto diventa difficile individuare il responsabile di eventuali danni a persone o cose. Il passaggio alle lampade retrofit a LED modifica sempre le caratteristiche di emissione dell'apparecchio. Soprattutto nei luoghi di lavoro, i limiti di luminanza e i limiti UGR vengono superati e gli apparecchi non possono più essere utilizzati per lo scopo previsto. Inoltre la conversione a retrofit non è sovvenzionata.

Un'altra soluzione è quella di utilizzare nuovi apparecchi a LED. In questo modo, l'efficienza è massima e si può soddisfare il requisito standard derivante dal tipo di posto di lavoro. Dal dicembre 2021 è in vigore lo standard di illuminazione rivisto per i luoghi di lavoro, in cui il requisito di illuminamento è stato notevolmente aumentato in alcuni casi. Inoltre, sono stati definiti con maggiore precisione livelli di illuminamento significativamente più elevati per i lavoratori più anziani e livelli di illuminamento cilindrici più elevati per l'orologio circadiano dei lavoratori, che possono quindi essere pianificati da ogni progettista illuminotecnico. Non va dimenticata la possibilità di aumentare la qualità della luce grazie agli apparecchi CRI 90, ormai disponibili ovunque.

Panoramica del ritiro dal commercio delle sorgenti luminose

Sovvenzioni


In diversi Paesi sono disponibili sovvenzioni per il passaggio dai tubi fluorescenti agli apparecchi a LED. L'obiettivo è quello di facilitare il passaggio alla tecnologia LED ad alta efficienza energetica per le aziende, le istituzioni pubbliche e le famiglie, risparmiando energia e costi. In Austria, la conversione è sovvenzionata fino al 30% dei costi di investimento. Si noti che il passaggio alle lampade retrofit a LED non dà diritto alla sovvenzione.

Sovvenzioni Austria:
Sistemi a LED da interni <20 kW
Conversione a LED per illuminazione esterna e interna ≥ 20kW

Sovvenzioni Germania:
BAFA - Finanziamento federale per edifici efficienti (BEG)
BMU Programma di finanziamento per il rinnovo dell'illuminazione interna delle strutture comunali

Sovvenzioni Svizzera:
Programmi di sostegno per l'illuminazione ad alta efficienza energetica